Officina Linux

Immagine Random

Il progetto PC-clami e l'associazione Diritti e Doveri

Vincere la malattia con anche dei pc riciclati

PC-CLAMI

News Inserita Il 16/04/2009 da Federico Villa

 

L'associazione Diritti e Doveri è un'associazione biellese nata per soddisfare l'esigenza di alcuni fra i molti utenti della psichiatria locale.

 

Sono persone che loro malgrado hanno dovuto affrontare un percorso di recupero dell'integrità legata alla psiche all'interno delle nostre strutture psichiatriche.

 

Questo è un fattore essenziale.

 

Non si tratta infatti di familiari legati ai pazienti ma di persone che la malattia l'hanno vissuta sulla propria pelle

 

Diritti e Doveri è nata nel 2001 ed offre la propria esperienza ad ogni altra persona che debba combattere e superare la propria malattia.

 

L'unione del gruppo e la convinzione che vincere la malattia sia possibile determinano i membri del l'associazione che nonostante i propri disagi si pongono in prima linea contro il pregiudizio che ancora oggi purtroppo, attanaglia individui di ogni parte del mondo affetti da disturbi psichiatrici.

.

Persone che vengono etichettate dalla società e che nonostante non siano più relegate in modo coatto all'interno di strutture di ricovero permanente, vengono spesso comunque viste da molti come individui di cui dimenticarsi.

 

Stigmatizzandoli ed evitandoli nel lavoro come nella vita sociale.

 

Guarire è possibile. E grazie ai farmaci odierni è comunque possibile ridurre gli effetti dei disturbi mentali rendendo le persone affette da questi disturbi pienamente recuperabili ed integrabili nel nostro sistema.

 

Anche se a volte ci vuole del tempo.

 

In parole povere così come i diabetici ed i malati di qual si voglia altra malattia cronica, anche i pazienti della psichiatria rivendicano il loro diritto alla vita.

Ad una vita fatta di amori, amicizie e lavoro. Famiglia e casa oltre che ad ogni altro aspetto che accomuna un po' tutte quelle che sono le nostre esperienze di uomini e donne.

 

Tra il Bilug e l'associazione Diritti e Doveri è nato nelle settimane passate un rapporto legato all'iniziativa PC-clami che ha visto un paio dei nostri computer varcare le soglie del centro diurno.

 

Luogo dove l'associazione metterà a disposizione le macchine da noi fornite anche agli altri pazienti della psichiatria, creando la possibilità di interagire (grazie alle applicazioni open source) con il mondo dell'informatica, permettendo ad alcuni di loro di esprimersi e di apprendere oltre che di divertirsi e trascorrere un momento di svago sia tramite l'accesso ad internet che tramite la creazione e l'elaborazione di file associati ai programmi forniti o comunque installabili liberamente su Linux.

 

Sarà finalmente possibile creare un database per gestire la biblioteca e la videoteca del centro oltre che permettere ai soci di Diritti e Doveri di gestire meglio la stesura del proprio giornalino associativo.

 

Grazie alla disponibilità di uno dei nostri soci si è riusciti a creare uno spazio di formazione bimensile relativo ad una veloce introduzione a Linux ed ai pacchetti applicativi distribuiti con Ubuntu.

 

Ciò permetterà ad alcuni tra i soci di Diritti e Doveri di imparare le basi sull'uso dell'interfaccia grafico oltre che a creare e gestire file di testo ed immagini, ricercando inoltre semplici soluzioni alle più comuni problematiche in rete divenendo in questo modo autonomi nella gestione dei computer forniti e permettendogli di amministrarli nell'uso che ne faranno all'interno del centro.

 

E' in previsione la cessione di un'altra macchina per un progetto identico relativo alla sezione distaccata di Cossato.

 

E chissà, magari un domani i ragazzi potranno addirittura gestire loro il proprio sito, anziché semplicemente visitarlo una volta ogni tanto quando capita in qualche modo l'occasione.

 

Per chi volesse approfondire le tematiche portate avanti da Diritti e Doveri si rimanda al loro sito ed al libro di Kenneth Steele “E venne il giorno in cui le voci tacquero”.

Newsletter

Nota informativa sulla privacy